Mel, tra i borghi più belli d'Italia - Veneto360
Mel - benvenuto

Mel, tra i borghi più belli d'Italia

Se condividi ci aiuti a crescere!

Sorge su un colle della Val Belluna, Mel a metà strada tra Feltre e Belluno e posto sulla sponda sinistra del fiume Piave, dal 2017 rientra nella lista dei borghi più belli d'Italia. Abbiamo visitato Mel in una splendida giornata autunnale quando la natura della valle circostante si veste delle calde tonalità di questa stagione. Parcheggiata l'auto, appena fuori dal centro, abbiamo risalito a piedi la via principale fino al centro storico.

Traspare subito lo stampo nobiliare del borgo, gli antichi palazzi che si affacciano sulle viuzze, alcuni dei quali molto simili per estetica e particolari alla tipica villa di Venezia del Cinquecento, raccontano il passato e testimoniano il passaggio delle famiglie nobiliari veneziane che hanno governato Mel per un lungo periodo.

Palazzi nobiliari Mel
Palazzi nobiliari di Mel

Brevi cenni storici sul borgo di Mel 

Furono gli antichi veneti, alla fine del IX secolo a.C., ad arrivare su questo colle risalendo dalla pianura lungo il Piave. Le testimonianze del loro insediamento sono oggi conservate al Museo Archeologico, una tappa da non perdere a Mel. Successivamente seguirono insediamenti romani tutt'oggi testimoniati da una lapide murata, da un sarcofago in pietra nel pressi della chiesa parrocchiale del paese e da un cippo della via Claudia Augusta Altinate, l'importante strada romana che collegava attraverso le Alpi, la Pianura Padana al Danubio. 

Con la fine dell'impero romano significativa fu la presenza dei longobardi. Durante il Medioevo, Mel fu teatro di lotte tra Ostrogoti e Bizantini e a difesa della valle sorsero numerose fortificazioni, tra queste il Castello di Zumelle, l'unico castello rimasto ancora intatto in tutta la vallata.

Dal 1404 fino al 1797 il paese si mise sotto la protezione della Serenissima Repubblica di Venezia, e fu governato per tre secoli dai Conti Zorzi, famiglia patrizia veneziana, e successivamente dalla famiglia Gritti e risalgono proprio a questo periodo storico gli splendidi palazzi che troverete visitando il cuore storico di Mel 

Cosa vedere a Mel

Semplicemente cominciate la vostra visita a Mel perdendovi tra le sue antiche viuzze, ammirando gli edifici, curiosando all'interno dei storici locali e cortili.


Cortile di casa a Mel
Cortile di casa a Mel

Procedendo lentamente godendo della tranquillità e delle bellezze architettoniche ed artistiche del piccolo borgo arriverete nel centro storico, Piazza Papa Luciani; la piazza principale, sulla quale si affacciano edifici di epoche diverse. Tra questi, Palazzo Zorzi, edificio del Cinquecento che oggi ospita il Municipio, il cui salone principale conserva episodi dell'Orlando Furioso (1545) e la secentesca Villa Fulcis con l'attiguo Palazzo Fulcis del secolo successivo e il suo parco che diventano a fine ottobre sede della mostra mercato "Mele a Mel", una importante manifestazione autunnale che accoglie i visitatori deliziandoli con i tipici prodotti locali e intrattenendoli con la mostra dell'artigianato che si posiziona lungo il centro storico

Palazzo Zorzi a Mel
Palazzo Zorzi a Mel

A nord-ovest della piazza, sorge il secentesco Palazzo delle Contesse che ospita il Museo Civico Archeologico di Mel. Accanto, Palazzo Barbuio, il più antico di Mel essendo del XIV secolo. Da visitare anche la Chiesa parrocchiale del Seicento che richiama lo stile palladiano. All'interno sono conservate opere di Girolamo Denti, Giovanni da Mel e Cesare Vecellio e di Luigi Cima, pittore locale (1860-1944).

Chiesa parrocchiale di Mel
Chiesa parrocchiale di Mel

Un altro piccolo gioiello è l'antica chiesa dell'Addolorata, risalente alla fine del Quattrocento che conserva al suo interno molti tesori d'arte

Fuori dalla piazza soffermatevi su Palazzo Pivetta del XVII, sotto il cui arco passava l'antica via romana Karèra, una stretta strada sterrata che tra alti muretti in pietra vi condurrà al piccolo paese di Puner.

Palazzo Pivetta a Mel
Palazzo Pivetta a Mel

Siete alla ricerca di un posto esclusivo dove mangiare e dormire a Mel? Eccovi accontentati

Una chicca del borgo di Mel è senza dubbio l'Antica Locanda Cappello . Del XVII secolo è la più antica locanda di Mel e luogo di rilevanza storica per aver ospitato personaggi illustri. Oltre ad essere ristorante, enoteca con ambienti arricchiti da preziosi affreschi e decorazioni dell'epoca è pure esclusiva residenza dove fermarsi a dormire. 

Cosa visitare nei dintorni di Mel

Mel è un buon punto di partenza per visitare luoghi unici della provincia di Belluno tra questi vi segnalo

Castello di Zumelle, un tuffo di duemila anni nel passato

Brent de l'Art; come l'Ardo creò

I romantici Laghetti di Rimonta (itinerario disponibile a breve)

E se invece cercate un luogo nei dintorni di Mel dove mangiare vi suggerisco il Rifugio Boz, dove tra l'altro troverete una pizza davvero eccezionale, eccovi il nostro racconto:

Rifugio Osteria Boz! In alta quota specialità pizza 

 

 

 

Tags: Belluno, Visitare, Mangiare, Dormire, Turismo Culturale

Se condividi ci aiuti a crescere!

Vuoi seguirci?

Partner
PER I TUOI SPOSTAMENTI SCEGLI
Logo GoOpti
Veneto360 suggerisce il servizio navetta economico GoOpti

Newsletter per Visitatori

Gli utenti che si iscrivono a questa lista riceveranno una newsletter mensile. E' il modo perfetto per restare in contatto con noi ed essere sempre aggiornati sulle nostre iniziative e proposte turistiche relative al Veneto.


Grazie!

Newsletter per Operatori

Questa lista è riservata ai titolari di attività turistiche operanti nel Veneto. Iscrivendosi a questa lista gli operatori turistici riceveranno informazioni, news, consigli, comunicazioni utili alla promozione della loro attività.


Grazie!

Orari Apertura

Lunedì-Venerdì: 09:00-17:00
Sabato: 10:00-14:00
Domenica: Chiuso
Festivi: Chiuso