Turismo Venezia: il Ghetto di Venezia, un luogo fuori dal tempo - Veneto360
sinagoga ghetto Venezia

Il Ghetto di Venezia: un luogo fuori dal tempo e lontano dal mondo!

Se condividi ci aiuti a crescere!

Venezia, città unica il cui fascino richiama milioni di visitatori e turisti. Piazza San Marco, la Basilica, il Ponte dei Sospiri, il Palazzo Ducale, il Ponte di Rialto le bellissime isole di Murano, Burano, Torcello: mete di grande attrazione che non bisogna assolutamente mancare, ma la sensazione di piacere che si percepisce vagabondando per la città senza meta perdendosi tra le calli, tra gli innumerevoli campi attraversando i canali su piccoli ponti è davvero unica!

Solitamente quando vado a Venezia prediligo gli itinerari fuori dalla ressa ed oggi è proprio di uno di questi che vi voglio parlare, del Ghetto di Venezia, il più antico e meglio conservato quartiere ebraico del mondo, che devo ammettere essere uno dei miei luoghi del cuore! Per raggiungere il Ghetto dalla Stazione Santa Lucia si prosegue per Strada Nova fino ad arrivare al Ponte delle Guglie si svolta a sinistra e dopo qualche metro vi si accede da un sottoportego. Fuori dal tempo e lontano dal mondo è la sensazione che si prova quando si accede all’ampio campo, scene di vita quotidiana degli ultimi residenti ebrei scorrono sotto gli occhi del visitatore. Il Ghetto oggi ospita il Museo Ebraico, 5 antiche sinagoghe, la casa di riposo della comunità ebraica oltre svariate abitazioni, qualche negozio e ristorante dove si può assaporare piatti tipici della cucina Kosher.La presenza della comunità ebraica a Venezia risale al 13° secolo, il quartiere è nato nel 1516 quando il governo della Serenissima decise di confinarvi tutti gli ebrei fino al 1797 quando Napoleone conquistando la città decise di rendere gli ebrei liberi, lasciandoli vivere dove volevano. Oggi la comunità è composta da circa 450 persone che vivono quasi tutte fuori dal quartiere. Se vi interessa conoscere, approfondire la storia e la cultura del popolo ebraico e ammirare il loro splendido patrimonio artistico vi consiglio la visita al Museo Ebraico e alle 3 sinagoghe visitabili.Vi assicuro che entrando nelle sinagoghe resterete sorpresi, per niente riconoscibili dall’esterno, questi luoghi di culto e aggregazione al loro interno sono di uno splendore unico, una diversa dall’altra e perfettamente conservate sono dei propri e veri gioielli, ognuna con le proprie originalità e provenienze sono testimonianze uniche del passato del popolo ebraico e delle loro tradizioni religiose.

Per visitare il Ghetto di Venezia, le sue sinagoghe e il Museo consultate il sito Museo Ebraico Venezia

Terminata la visita non si può non soffermarsi ad ammirare i bassorilievi di Arbit Blatas, monumento che celebra i 50 anni delle deportazioni degli ebrei dal Ghetto di Venezia. Nel Ghetto potrete assaporare i caratteristici piatti della cucina Kosher, ottima occasione per terminare una splendida giornata passata alla scoperta di nuove culture.

Eccovi le nostre due proposte per mangiare nel Ghetto di Venezia

Ghimel Garden

Gam Gam

Per poter gustare al meglio visita ed eventuale ristoro in uno dei 2 ristoranti consiglio la prenotazione!

Tags: Venezia, Visitare, Mangiare, Turismo Culturale

Se condividi ci aiuti a crescere!

Vuoi seguirci?

Partner
PER I TUOI SPOSTAMENTI SCEGLI
Logo GoOpti
Veneto360 suggerisce il servizio navetta economico GoOpti

Newsletter per Visitatori

Gli utenti che si iscrivono a questa lista riceveranno una newsletter mensile. E' il modo perfetto per restare in contatto con noi ed essere sempre aggiornati sulle nostre iniziative e proposte turistiche relative al Veneto.


Grazie!

Newsletter per Operatori

Questa lista è riservata ai titolari di attività turistiche operanti nel Veneto. Iscrivendosi a questa lista gli operatori turistici riceveranno informazioni, news, consigli, comunicazioni utili alla promozione della loro attività.


Grazie!

Orari Apertura

Lunedì-Venerdì: 09:00-17:00
Sabato: 10:00-14:00
Domenica: Chiuso
Festivi: Chiuso