Veneto Re del Tiramisù e Andrea Ciccolella stringe lo scettro! - Veneto360

Il nostro Blog

Notizie e comunicazioni sul Turismo

Intervista a Andrea Ciccolella Campione del Mondo di Tiramisù

Veneto Re del Tiramisù e Andrea Ciccolella stringe lo scettro!

Se condividi ci aiuti a crescere!

Facciamo un salto nel passato: gennaio 1970, siamo nella cucina del ristorante Le Beccherie di Treviso, un cuoco di nome Roberto Linguanotto fa cadere accidentalmente un pezzo di mascarpone dentro una ciotola con uova e zucchero, cerca di riparare al danno et voilà, nasce il Tirame Su! Nessuno si sarebbe aspettato che quel dolce nato per caso conquistasse il mondo! Ora tutti lo amano, tutti lo vogliono, tutti lo fanno, tutti lo imitano. Un vanto per il Veneto essere la patria di questo squisito dolce!

Andrea Ciccollella Campione del Mondo

Quasi cinquanta anni dopo siamo ancora a Treviso, e quello stesso cuoco di allora, divenuto meritatamente famoso nel corso degli anni essendo ufficialmente riconosciuto come il “padre” del Tiramisù, incorona un giovane sconosciuto feltrino di 28 anni, che vince il Tiramisù World Cup 2017, una competizione riservata rigorosamente a non professionisti del settore. Quel giovane ragazzo si chiama Andrea Ciccolella, e con il suo tiramisù in versione tradizionale è riuscito a sbaragliare ben 720 agguerriti concorrenti proveniente da tutto il mondo conquistando il titolo di Campione del Mondo di Tiramisù.

Il mondo parla di lui!

Grazie a questa vittoria Andrea è diventato meritatamente famoso, ma siamo in un'altra era, c’è internet, la notizia della sua impresa è corsa veloce, abbiamo provato a digitare il suo nome su Google ed appaiono oltre 88mila pagine che citano il suo nome, in tutto le lingue del mondo! Una enorme soddisfazione, una gigantesca popolarità! Qui in redazione di Veneto360 ci siamo posti la domanda: come ci si sente ad essere così famosi, improvvisamente? L'incoronazione è avvenuta lo scorso novembre 2017, ma abbiamo volutamente attendere qualche mese prima di incontrare di persona Andrea Ciccolella per conoscerlo e porgli qualche domanda a freddo. Lui è simpatico, alla buona, e parlandoci ci conquista. Ci rendiamo conto che è un bravo ragazzo con la testa sulle spalle, con dei valori morali, per niente inebriato o "gasato" dalla celebrità che lo ha travolto. Andrea è umile e molto altruista, lo si capisce anche dalle risposte che ci ha dato durante l'intervista che gentilmente ci ha concesso, e percepiamo anche un leggero velo di amarezza, esattamente come quello del cacao che si spolvera sopra il Tiramisù, ecco l'intervista integrale, a cui non è servito modificare nemmeno una virgola :

Intervista a Andrea Ciccolella

Cosa ti ha spinto a partecipare alla prima edizione del Tiramisù World Cup 2017?

Mi ha spinto a partecipare la voglia di mettermi in gioco e di confrontarmi con altre persone per vedere quali potessero essere le mie vere potenzialità.

Se fosse stato un altro dolce avresti partecipato?

Molto probabilmente si, la pasticceria mi piace e mi piace la competizione.

C’è stato qualcuno che ha tentato di dissuaderti dal partecipare?

Inizialmente mio papà era molto scettico sul fatto che io partecipassi, anche in fabbrica dove lavoro, alcuni colleghi all'idea che io potessi vincere su 720 concorrenti non ci credevano, ma questo mi ha motivato ancora di più a fare un ottima gara.

Pensavi di sbaragliare ben 720 concorrenti?

Sinceramente no, però ci speravo molto, da un lato sapevo che il piatto che avevo studiato per la gara avrebbe potuto farmi andare avanti nella competizione, ma allo stesso tempo mi dicevo: ”Andrea non illuderti perché sono 720 concorrenti e se poi vieni eliminato subito ci rimani male” e questo me lo dicevano costantemente anche i miei genitori perché mi vedevano entusiasta del piatto che avevo creato in quei 2 mesi di allenamento, e non volevano appunto ci rimanessi troppo male.

Il tuo nome appare in oltre 88mila risultati di ricerca di Google, che effetto fa?

Ammetto che tuttora ogni tanto scrivo il mio nome su Google per vedere cosa esce, mi è capitato di farlo anche un paio di volte in passato e più del mio profilo Facebook non usciva, e vedermi su articoli di tutto il mondo, riviste, tv, radio mi fa un certo effetto, mi fa piacere ed è una bella soddisfazione, un'emozione ed un esperienza che non dimenticherò mai.

Quanto ti ha aiutato internet in questa gara?

Internet mi ha aiutato tantissimo, ho passato ore ed ore davanti al pc o al telefono per vedere le ricette e decorazioni da poter fare, proprio in internet cercavo immagini di tiramisù per prendere qualche spunto o idea ma vedevo che per pagine e pagine di immagini era presentato sempre nelle solite versioni, allora mi sono detto, se voglio stupire devo cambiare il modo di presentare il tiramisù, e così ho fatto, ho unito delle idee mie a quelle viste in dei tutorial ed è uscito il mio piatto.

A chi hai dedicato la tua vittoria?

La mia vittoria l'ho dedicata alla mia famiglia, in particolare ai miei genitori, che mi hanno sopportato e supportato nei 2 mesi prima della gara e anche nei giorni delle competizioni, mi hanno sempre seguito, e lo stesso hanno fatto Matteo, Chiara, Elisa, Marco e Federica, i miei migliori amici, la vittoria la dedico anche a loro perchè hanno sempre creduto in me fin da prima della gara, mi hanno sempre sostenuto in questa avventura e tuttora continuano a farlo. Il loro incoraggiamento sia prima che durante la gara mi ha dato una marcia in più.

Indirettamente hai fatto una notevole pubblicità anche all’azienda dove lavori, cosa ti ha detto il capo?

E' vero, su tutte le interviste in cui mi è stato possibile ho nominato la mia città e l'azienda dove lavoro attualmente; ma ne il mio comune ne i vertici dell'azienda in cui lavoro mi hanno detto nulla.

Hai ricevuto proposte di lavoro come pasticciere?

No attualmente non ho ricevuto ancora nessuna offerta di lavoro come pasticciere.

Nel podio 4 concorrenti veneti, secondo te come mai?

Ci penso spesso a questa cosa ma sinceramente credo sia pura casualità.

Cosa ti piace di più del Veneto?

Sono nato e cresciuto in Veneto, mi piace moltissimo, è la mia casa; abbiamo dei posti stupendi che ci invidia il Mondo intero, come Venezia, le Dolomiti, Verona ecc. per non parlare poi dei prodotti tipici enogastronomici.

Il tuo sogno è rimasto quello di diventare un pasticciere o punti ad altro?

Il mio sogno rimane sempre quello di aprire una pasticceria e di poter far assaggiare finalmente il mio Tiramisù, anche se per un giovane mi accorgo non è facile introdursi nel mondo dell'imprenditoria in questo momento, sia per gli elevati costi dei locali che per la molta burocrazia, ma voglio provarci.

Parteciperai alla prossima edizione?

Non penso parteciperò alla prossima edizione, almeno come concorrente, la mia occasione l'ho avuta il 5 Novembre scorso ora è giusto che qualcun altro si goda questi momenti.

Ma gli investitori dove sono?

Alcune risposte di Andrea ci lasciano basiti circa l'assenza di proposte di lavoro come pasticciere. Ci aspettavamo che un giovane con questo entusiasmo, con questa forza di volontà, con questa creatività, con la passione nel sangue, ma soprattutto con il risultato che ha raggiunto, Campione del Mondo di Tiramisù non è mica una cosetta da niente, venisse sommerso di richieste e proposte di lavoro dalle migliori pasticcerie del mondo. Ci fa riflettere quanto ciechi ed ottusi siano gli imprenditori a non sfruttare le potenzialità e la popolarità raggiunta da questo ragazzo, dovrebbero sgomitare e contenderselo per averlo nella propria cucina, o per finanziarlo nel suo sogno. La popolarità raggiunta da Andrea Ciccolella ha un valore inestimabile, è un "brand" che da solo vale qualsiasi investimento. Davvero molto poco lungimiranti gli imprenditori che si lasciano "sfuggire" questa opportunità e non comprendono che potrebbe essere una manna dal cielo. Quello che ci rattrista ancor di più è una cosa... ma se un personaggio come Andrea Ciccolella, con i suoi requisiti, con i suoi risultati, con la sua notorietà, non viene immediatamente ingaggiato o finanziato, che speranza hanno gli altri giovani? Noi ci fermiamo qui, non aggiungiamo altro, a voi le conclusioni.

Meritano essere citati

Ad onor di cronaca meritano essere citati in questo articolo anche gli altri veneti che hanno sfiorato il podio di questa fantastica iniziativa organizzata da Twissen, SileFest, progetto Sile, Oasi d’Acque e di Sapori, con lo scopo di valorizzare il territorio ed i paesi affacciati lungo Sile, tra cui Treviso, Casale sul Sile, Casier, Istrana, Morgano, Quinto di Treviso, Roncade, Silea, Vedelago. L’esito di questo evento che ha coinvolto turisticamente tutta la provincia di Treviso è stato sorprendente in termini di visibilità e ci auguriamo che possa ripetersi. Noi di Veneto360 ci auguriamo anche di essere in qualche modo coinvolti per dare ancor più visibilità a questo strategico evento. Ecco la classifica dei 4 veneti piazzati nei primi quattro posti, a conferma che il Tiramisù è entrato con orgoglio nel sangue del popolo Veneto.

Ecco i 4 moschettieri veneti saliti sul podio del tiramisù World cup 2017

I vincitori sul podio del Tiramisù World Cup 2017
Il podio del Tiramisù World Cup 2017

  • 1° posto Andrea Ciccolella, 28 anni, di Feltre (Belluno)
  • 2° posto Valentina Sambo, 34 anni, di Chioggia (Venezia)
  • 3° posto Michela Masiero, 40 anni, di Rovigo (Rovigo)
  • 4° posto Monica Michielin, 46 anni, di Vedelago (Treviso)

Gli ingredienti della versione classica del Tiramisù

Purché risaputo, non possiamo esimerci dall'elencare i sei ingredienti assolutamente base per la versione classica del Tiramisù. Il metodo di preparazione può variare ottenendo infinite varianti dello stesso dolce, qualcuno dice di aver il segreto, qualcuno aggiunge o sostituisce un ingrediente, altri danno libero sfogo alla creatività, sia nella preparazione, sia nella forma, sia nell'impiattamento, il risultato è sempre buonissimo ma solo una giuria espertissima può assurmersi la responsabilità di premiare il migliore, e per il 2017 lo ripetiamo, è stato Andrea Ciccolella!

  • 12 tuorli d’uova
  • ½ kg di zucchero
  • 1 kg di mascarpone
  • 60 savoiardi
  • caffè quanto basta
  • cacao in polvere

Chiudiamo questo articolo ringraziando Andrea Ciccolella per averci rilasciato l'intervista ma chiudiamo anche con la cosiddetta acquolina in bocca, di certo sappiamo già cosa ordineremo come dessert la prossima volta che ceneremo fuori. La cosa più bella sarebbe poter cenare nel locale di Andrea e poter assaggiare il suo Tiramisù! Per chi volesse complimentarsi ed augurare la realizzazione di questo sogno cliccate qui per raggiungere la Pagina Ufficiale Facebook di Andrea Ciccolella

Se condividi ci aiuti a crescere!

Vuoi seguirci?

Newsletter per Visitatori

Gli utenti che si iscrivono a questa lista riceveranno una newsletter mensile. E' il modo perfetto per restare in contatto con noi ed essere sempre aggiornati sulle nostre iniziative e proposte turistiche relative al Veneto.


Grazie!

Newsletter per Operatori

Questa lista è riservata ai titolari di attività turistiche operanti nel Veneto. Iscrivendosi a questa lista gli operatori turistici riceveranno informazioni, news, consigli, comunicazioni utili alla promozione della loro attività.


Grazie!

Orari Apertura

Lunedì-Venerdì: 09:00-17:00
Sabato: 10:00-14:00
Domenica: Chiuso
Festivi: Chiuso
Ci aiuti a crescere?
Se hai gradito il nostro sito ti chiediamo di seguire la nostra pagina Facebook!