Lazzaretto Novo scritte

Lazzaretto Nuovo di Venezia: il primo della storia

Scrivi un commento

Pronti per una nuova avventura a Venezia? Questa volta però navigheremo verso il Lazzaretto Nuovo, una piccola isola situata nella Laguna di fronte al litorale dell'Isola di Sant'Erasmo. Per raggiungere l'isola del Lazzaretto Nuovo sono circa 30 minuti di navigazione in vaporetto da Venezia Fondamenta Nuove.

Le origini dell'isola sono antichissime infatti ritrovamenti archeologici dimostrano la presenza dell'uomo già a partire dell'era del bronzo. Nel 1050 il 1° atto pubblico denomina l'isola "Vigna Murada".  Fu nel 1468 che Vigna Murada iniziò a svolgere mansioni di Lazzaretto con lo scopo di prevenire i contagi della peste, e da qui il suo nome al quale fu aggiunto "Novo" per distinguerlo dal Lazzaretto Vecchio che si trova vicino al Lido dove venivano portati gli ammalati di peste. L'isola divenne così luogo di quarantena per le navi che giungevano a Venezia dai porti del Mediterraneo e sospettate di essere portatrici dell'epidemia. Qui le merce venivano collocate in appositi magazzini denominati Teze e un impianto sanitario consentiva la loro igienizzazione attraverso l'uso di erbe aromatiche quali ginepro e rosmarino. L'equipaggio veniva visitato più volte al giorno dai medici della peste che usavano indossare una lunga tunica fino ai piedi e una maschera a becco d'uccello all'interno della quale era contenuta una miscela di erbe balsamiche ritenuta protettiva nei confronti della peste. Il Lazzaretto mantenne la sua funzione per ben tre secoli e fu il primo esempio europeo nella prevenzione del terribile morbo, furono molte le città italiane ed europee che ne copiarono l'assetto e l'organizzazione.

Durante il dominio napoleonico e austriaco l'isola fu utilizzata per scopi militari ed entrò a far parte del sistema difensivo lagunare. Fu poi usata dall'Esercito Italiano fino al 1975. Oggi l'isola è centro di un importante azione di recupero; di proprietà demaniale e vincolato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal 1977 è in concessione all'Associazione di volontariato EKOS CLUB che si occupa della valorizzazione e promozione organizzando visite guidate, mostre, eventi ed incontri nell'ottica di rivalutarne la storia e le antiche tradizioni lagunari.

La visita al Lazzaretto Nuovo si svolge tra l'ottocentesca cinta muraria, le torri, il Tezon Grande, i resti della Chiesa benedettina medioevale e una passeggiata naturalistica che vi porterà a tu per tu con la Laguna e il suo habitat. Sbarcati sull'isola e varcato il portone principale si percorre il bellissimo viale centenario di Gelsi e si arriva al Tezon Grande, eretto a metà del 500, l'edificio è sicuramente la parte più suggestiva dell'isola, di grande effetto sono i numerosi graffiti e disegni, importanti testimonianze, che nei secoli hanno raccontato e continuano a raccontare alle generazioni storie di vita di marinai obbligati a sostare al Lazzaretto, mercanti e facchini che descrivono l'arrivo di navi da Costantinopoli, da Alessandria d'Egitto e dal Peloponneso. L'imponente edificio, lungo più di 100 mt raccoglie oggetti in osso e bronzo, ceramiche, vetri e reperti ritrovati nel corso degli anni durante i numerosi campi archeologici. Di grande interesse sono anche gli esterni, le antiche vere da pozzo, una tra l'altro con una rarissima raffigurazione del leone di Venezia e le aree degli scavi archeologici sottoposte a continui studi ai quali partecipano studenti, bambini e appassionati da tutto il mondo. I campi di lavoro, restauro e manutenzione sono gestiti dall'Associazione di volontariato Archeo Club di Venezia.

Un esperienza di grande valore storico la visita al Lazzaretto Nuovo che vi porterà a conoscere un suggestivo angolo della nostra Laguna Veneta, e che vi consiglio assolutamente. Per ogni info sull'isola e sulla visita consultate il Sito Ufficiale Lazzaretto Nuovo. 

Al termine della visita ricordatevi di lasciare una libera offerta, importante sostentamento per il recupero e la valorizzazione di questa Isola.

 

Tags: Venezia, Visitare, Turismo Culturale, Turismo Studentesco

Fai login per scrivere!
caratteri disponibili.
Caricando commento... The comment will be refreshed after 00:00.

Scrivi tu il primo commento?

Forse ti può interessare anche uno di questi articoli!

Percorsi tattili alla Collezione Peggy Guggenheim a Venezia

Sapori di Chioggia

Murano e la magia della lavorazione del vetro

Da Quarto D'Altino a Portegrandi accompagnati dalle acque del Sile

La Madonna della Salute. Una Festa dalle origini plurisecolari tra fede e superstizione

Bibione! La spiaggia a 5 stelle

Restiamo in contatto?

Restare in contatto con noi è il miglior modo per essere sempre informati dei nostri nuovi articoli e delle novità che il sito offre. Iscrivendoti alla nostra newsletter riceverai direttamente nella tua posta elettronica informazioni in anteprima. E' gratis, è semplice, e utile, e per noi è una grande soddisfazione!

Registrati gratis!

Vuoi seguirci?

Orari Apertura

Lunedì-Venerdì: 09:00-17:00
Sabato: 10:00-14:00
Domenica: Chiuso
Festivi: Chiuso